Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

Posted by on lug 28, 2011 in In evidenza, Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano | 16 comments

Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

Il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, il più grande parco marino d’Europa, tutela 56.766 ettari di mare e 17.887 ettari di terra. Comprende tutte le sette isole principali dell’Arcipelago Toscano e alcuni isolotti minori e scogli: Elba, Capraia, Gorgona, Pianosa, Montecristo, Giglio, Giannutri. Si tratta di isole di formazione geologica assai diversa: Capraia é vulcanica, il Giglio e l’Elba sono prevalentemente granitiche. Una grande varietà geologica che influenza forma e paesaggio di ciascuna isola. L’antichissima presenza dell’uomo, testimoniata dai ritrovamenti e dalla lunga tradizione di lavorazione dei minerali, ha prodotto profondi cambiamenti nella vegetazione originaria e i boschi di leccio restano solo in alcune parti dell’Elba, mentre la macchia mediterranea é la vegetazione dominante.
L’Arcipelago Toscano ha rappresentato un’importante area di rifugio e di collegamento tra il sistema sardo-corso e la penisola. Da questa storia la presenza nell’Arcipelago di specie di animali e vegetali estremamente focalizzate, formatesi nei periodi d’isolamento, assieme a specie presenti solo in Corsica e in Sardegna. Presenti colonie di uccelli marini, berte e gabbiani, tra i quali il raro gabbiano corso, specie endemica del Mediterraneo e presente in Italia in pochissime località. Sporadicamente segnalata la foca monaca mentre è possibile l’avvistamento di cetacei. In Italia, dopo l’istituzione di alcune riserve, l’Arcipelago toscano è il più grande Parco Marino d’Europa. La più estesa area protetta dei mari europei. Il Parco è caratterizzato da una grande varietà di habitat, popolati da svariate forme di vita.
La grande diversità biologica dell’Arcipelago è dovuta, anche, alla varietà delle coste e dei fondali: dalle spiagge dell’Elba alle falesie rocciose della Capraia occidentale, una miriade di specie vegetali ed animali vivono in ogni anfratto di uno dei più affascinanti ambienti naturali: il mare.

I fattori principali che influenzano la vegetazione dell’Arcipelago Toscano sono il clima di tipo mediterraneo e l’insularità. Oggi la formazione vegetale più diffusa nel parco è la profumatissima macchia mediterranea, tra le cui molteplici specie ricordiamo: il corbezzolo, l’alaterno, il lentisco, il ginepro fenicio, il mirto, le eriche, il rosmarino, la lavanda, le splendide ginestre e i coloratissimi cisti.

Riguardo agli animali le isole sono caratterizzate dalla presenza di numerosi endemismi. Interessanti sono le presenze del venturone, del sordone, della raganella tirrenica, del discoglosso sardo e del geco tirrenico o tarantolino. I mammiferi terrestri sono quelli tipici dell’ambiente mediterraneo con la rilevante presenza della martora; diffusa e visibile è anche la presenza del coniglio selvatico. Di grande interesse la Capra selvatica presente su Montecristo la pol Estinto sin dall’inizio dell’Ottocento il cinghiale maremmano, è stato introdotto una trentina di anni fa il cinghiale centroeuropeo, questa specie si è riprodotta a dismisura all’Elba divenendo un problema per la tutela degli endemismi floristici e la salvaguardia delle colture agricole.
L’Arcipelago è un punto di sosta e di nidificazione per molti uccelli migratori. Presenti colonie di berte e gabbiani tra cui il raro gabbiano corso che è stato scelto quale simbolo del parco.

Share Button

Leave a Comment